Università del Salento

Collegamenti ai contenuti della pagina:
unisalento-theme-il-contenuto-pagina
Il menu di navigazione
Motore di ricerca
Area Riservata
Accessibilità






unisalento-theme-contenuto-della-pagina [Inizio pagina]

News

  04.04.2018 - Colloqui del Dipartimento - 5 aprile, aula Anni

 Giovedì 5 Aprile alle ore 16:00 in aula "Anni" il Dott. Cesare Tronci, dall'Università del Surrey, terrà, nell'ambito dell'iniziativa dei colloqui del Dipartimento di Matematica e Fisica, un seminario dal titolo

Nuove prospettive al confine tra meccanica classica e quantistica

 

Il confine tra meccanica classica e meccanica quantistica resta uno dei grandi problemi aperti della fisica moderna. Fin dalla nascita della teoria quantistica, il processo di misura si è potuto descrivere solo invocando concetti di carente caratterizzazione matematica come il "disturbo quantistico" a cui è sottoposto lo strumento classico o la "decoerenza" subita dal sistema quantistico misurato. In un contesto applicativo, l'accoppiamento classico-quantistico è di assoluta importanza in chimica fisica, laddove l’impossibilità di simulazioni completamente quantistiche genera il bisogno di trattare alcune particelle in modo classico e altre in modo quantistico. D'altra parte, i modelli comunemente usati non risultano soddisfacenti.
Questo Colloquio affronta il problema sviluppando due punti fondamentali. Il primo è la formulazione della meccanica classica in termini di funzioni d’onda (sullo spazio delle fasi), seguendo un approccio spesso dimenticato e dovuto a Koopman e von Neumann. Questa descrizione ha alla base delle proprietà di simmetria che ne permettono una rivisitazione sostanziale. Il secondo punto ad essere affrontato è l’accoppiamento della teoria di Koopman-von Neumann con la dinamica quantistica di Schrödinger. La risultante teoria ibrida classico-quantistica viene ottenuta seguendo due diverse procedure. Infine, le conseguenze fisiche della nuova dinamica ibrida sono esposte a seguito di un breve confronto con le precedenti teorie. Ad esempio, le correlazioni classico-quantistiche impediscono l’identificazione esatta delle traiettorie classiche.