Università del Salento

Collegamenti ai contenuti della pagina:
unisalento-theme-il-contenuto-pagina
Il menu di navigazione
Motore di ricerca
Area Riservata
Accessibilità






unisalento-theme-contenuto-della-pagina [Inizio pagina]

News

  29.11.2019 - La componente protonica dei raggi cosmici misurata con DAMPE

Giovedì 12 Dicembre, alle ore 15:00, in aula Seminari, il nostro dottorando Dott. Antonio De Benedittis terrà un seminario dal titolo:

LA COMPONENTE PROTONICA DEI RAGGI COSMICI MISURATA CON DAMPE

 

ABSTRACT: La missione spaziale DAMPE (DArk Matter Particle Explorer) è frutto di una collaborazione internazionale che vede coinvolti istituti dell'Accademia Cinese delle Scienze, tra cui il National Space Science Center e l'Institute of High Energy Physics, l'Università di Ginevra, le Università e le Sezioni INFN di Bari, Perugia, Lecce e il GSSI. I principali obiettivi della missione sono: la rilevazione di elettroni e fotoni nell'intervallo di energia 5 GeV − 10 TeV (con una risoluzione in energia di circa 1.5% oltre i 100 GeV ), al fine di individuare eventuali segnali di Materia Oscura; la misura del flusso dei nuclei fino a energie dell'ordine di 100 TeV , al fine di studiarne lo spettro e di individuare strutture che possano fornire informazioni sui meccanismi di accelerazione.Il rivelatore è in orbita dal 17 dicembre 2015 e da allora è stabilmente in presa dati. Esso consiste dei seguenti sotto-rivelatori: Scintillatore Plastico (PSD), che misura il valore assoluto della carica delle particelle incidenti e funge da sistema di anti-coincidenza per i fotoni; Tracciatore-Convertitore al Silicio-Tungsteno (STK), che ricostruisce la traiettoria delle particelle incidenti e agisce inoltre come convertitore di raggi γ grazie a 3 fogli di tungsteno; Calorimetro a imaging composto da barre di BGO, corrispondente a 31 lunghezze di radiazione, che misura con alta risoluzione l'energia delle particelle incidenti; Detector di Neutroni (NUD), per la discriminazione tra sciami adronici ed elettromagnetici.

Nel seminario verrà presentata e discussa l'analisi dei dati (raccolti tra Gennaio 2016 e Marzo 2019) e la misura del flusso dei protoni cosmici nel range energetico compreso tra 50 GeV e 100 TeV.